Orchidee spontanee

Ultima modifica 15 marzo 2022

ORCHIDEE SPONTANEE

Terruggia Comune  custode di orchidee.

Dal 2020 Terruggia è  stato nominato Comune Custode di orchidee nell’ambito del progetto LIFEOrchids che ha lo scopo di mantenere e diffondere queste piante simbolo di Biodiversità e di ambiente non inquinato, ma a rischio di estinzione se non protette con opportuni interventi di tutela.

Nel nostro territorio fioriscono quattro tipi di orchidee spontanee: la Barlia Robertiana a inizio marzo, la Ophrys Aranifera a fine marzo inizio aprile, la Orchis Purpurea a fine aprile, per ultima la Cephalanthera a maggio. La stazione più ricca di esemplari è intorno alla Torre Veglio, dove sono presenti numerosi esemplari di Orchis Purpurea  sia nei prati che ai bordi del boschetto di ciliegi selvatici. Altre piante di Orchis Purpurea crescono nel  vecchio frutteto della famiglia Ottone in via Roma e nel terreno della cascina Rinera di proprietà di Chiara Montiglio che insieme a Flavia Saletta Ottone, Giovanni  Caprioglio e Luigina Genovese sono stati nominati custodi di orchidee.  Negli ultimi mesi si sono aggiunti i giovani Paolo Ottone e Pietro Caprioglio con un ammirevole impegno ed azioni pratiche di salvaguardia.

Questo fiore per sopravvivere ha necessità di trovare nel terreno funghi micorrizzici e la presenza di  insetti impollinatori con cui entrare in simbiosi. Non vanno estirpati, non sopravviverebbero in altre condizioni, ma ammirati in natura.